Mal di terra

dsc03468.JPG

 

E’ una sensazione difficile da spiegare finché non la si prova. Come se tutto fosse capovolto, equilibri che improvvisamente vacillano come mai avresti creduto. Essere in mezzo al mare e sentire che tutto intorno a te è fermo, nulla si muove, nuovi baricentri inspiegabili si appropriano del tuo corpo senza che tu neanche te ne accorga. E poi uscire da quel mare, poggiare i piedi sulla terraferma e pensare improvvisamente che non è poi così ferma come avresti pensato, sentire un dondolio continuo mentre cammini e provare una sensazione di stordimento che ti accompagna per un po’. Mai lo avresti creduto, il mal di terra esiste eccome, lo pensi sorridendo mentre barcolli felice sembrando forse un’ubriaca agli occhi ignari di chi ti vede dall’esterno. E lo sei di certo, ma ubriaca di spensieratezza, tutta quella che ti ha accompagnata in mezzo alle onde ioniche della Grecia su quella barca a vela.

 

Ritrovare una compagna di viaggio pronta per una nuova avventura e scoprire persone splendide con le quali, dopo solo nove giorni, ti sembrava di essere insieme da una vita. Un po’ di timore c’era, lo devo ammettere, un viaggio all’avventura in uno spazio ristretto come quello di una barca in mezzo a sconosciuti, lo sapevamo tutti che alla fine o ci saremmo amati o ci saremmo odiati, che l’essere insieme 24 ore su 24 in un piccolo spazio porta a queste due alternative si sa. E beh, gli abbracci stretti e la malinconia del nostro saluto a fine vacanza la dice lunga sul fatto che l’odio assolutamente non sapevamo manco cosa fosse. Una bella sorpresa, sono stati questo i miei compagni di ciurma, il contorno ideale a paesaggi che rimbombano dentro di me, azzurro così vivo da fare quasi male, nero così buio della notte che finalmente hai capito cosa significhi notte; e gli odori, quello del mare mentre la prua solca le onde ribelli che ti spruzzano contro e ti impregnano la pelle, e i sapori, quello del sale che costantemente sentivi sulle labbra avide.

 

Tutto, perché ogni singolo particolare non fugga via. Non potrai mai, dimenticare dico. Non potrai mai dimenticare un cielo stellato mentre attraccati in rada sulle coste di Itaca hai sentito una voce che scandiva le parole di una splendida poesia di Costantino Kavafis dal titolo omonimo. E ancora mai potrai dimenticare un dito puntato al cielo che ti insegna a riconoscere la costellazione del delfino, piccola in quell’immensità di stelle ma lo stesso bella e preziosa. –E’ la tua costellazione- mi è stato detto, da oggi ogni volta che la rivedrò non potrò fare a meno di sorridere. E le risate, lì sotto coperta a parlare della vita e di tutte le stupidaggini che ci passassero per la testa. E il nuovo nome della nostra barca, nato in una nottata pazza e scritto con lettere greche e del nastro isolante sotto il nome ufficiale sbarrato poi con una croce; ridevano tutti quelli che lo leggevano,

Porcos,e noi ormai avevamo convinto anche lo skipper a chiamarla così. E quel volo, a cento metri da terra, appesi ad un paracadute tirato in alto da un motoscafo, mentre il sole tramontava sotto di noi, tutto era così tremendamente bello che avresti voluto non finisse più davvero.

 

Poi c’è un bracciale, lì sul mio polso sinistro, un intreccio colorato comprato in dieci esemplari tutti uguali. E’ lì sul mio polso ma lo è anche sul vostro. Sarà il segno tangibile che ci unirà tutti anche durante quest’inverno, quando quel mare sarà ormai lontano ma non di certo i suoi ricordi. E intanto domani sera saremo di nuovo tutti insieme, pronti a riabbracciarci fuori dalle onde, il mare stavolta tutto dentro di noi.

Annunci

8 Risposte to “Mal di terra”

  1. Giulietta Traslocata Says:

    Ben tornata 🙂

  2. arthur Says:

    Ciao, un saluto veloce, anche per comunicarti una novità…

    Mi sono finalmente deciso… prova a cliccare sul mio nome…

    Ti aspetto!

  3. arthur Says:

    Buon Natale e Buon Anno!

  4. supervalentina Says:

    hai svelato il mistero…è sant’Eustachio!!!! 😉 mamma mia non lo conoscevo…spettacolare!!!
    un abbraccio!

  5. supervalentina Says:

    ciao, ho chiuso il blog ma ho lasciato un ultimo post per tutti che spero leggerai presto!un bacio!ciao

  6. Oolong tea Says:

    Its a really great post iv saw, thanks!

  7. crashmusic Says:

    Largest best Money Change in Israel, Very honest and trustworthy. Israelchange is there for all large business and personal money exchanges in israel.

  8. Esteban Lanfear Says:

    Great information 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: