Parallelismi nel vento

lacerazione.jpg

 

Prendi un elemento e usalo come filo conduttore, cercalo nel titolo di un libro e di un film, anzi, lascia che sia lui a trovare te. Già questo potrebbe bastare a rendere singolare la vicenda, ma è solo l’inizio. Il vento. E’ lui l’elemento comune, ma di certo non è l’unico. C’è poi un uomo solo, un uomo che rifugia la sua vita nella scrittura, un uomo innamorato di un amore impossibile. Iniziamo dalle pagine del libro –L’ombra del vento– e finiamo nei fotogrammi di un film –Brucio nel vento-. Ti si affacciano entrambi davanti a poco tempo di distanza l’uno dall’altro, non ne conosci le trame ma ci stai per entrare dentro. Prima il libro, poi il film. Coincidenze. Oppure no. Julian e Tobias amano entrambi una donna, l’unica della loro vita, perché un amore solo basta quando in questo senti di avere trovato tutto ciò che vai cercando. Penélope e Line. Poi il destino, in mezzo a mille anse, fa scoprire a tutti e due che quelle donne altro non sono che loro sorelle. E tu rimani senza parole, cosa centrano questo libro e questo film? Un intrecciarsi di storie con troppi elementi in comune, suggestioni che ti colpiscono. Julian e Tobias, con una sola passione: scrivere. E poi anche quello, il regalo che chi li ama davvero fa ad entrambi: una penna dall’illustre passato; quando nel film hai visto il pacchetto in fondo sapevi già cosa ci fosse dentro, in un singolare gioco in cui tu anticipavi l’accaduto, per vedere davvero quanto quel parallelismo fosse reale. Poi il film finisce e scopri che quello di amore impossibile in realtà cambia il suo corso e diventa reale, in un’altra terra, con un’altra lingua. E lo Julian del libro sembra avere anche lui una seconda possibilità, no, non con la sua Penelope, ma una seconda possibilità di vivere davvero provando di nuovo emozioni: amore, non lo si potrebbe chiamare in maniera differente. Con il dvd fra le mani noti l’ultimo particolare, l’anno d’uscita del film, il 2001, chiaramente lo stesso del libro e ormai davvero non ti stupisci più per questo strano potere del vento.

 

“L’ombra del vento”
Carlos Ruiz Zafon, 2001

 

“Brucio nel vento”
Silvio Soldini, 2001

Annunci

Una Risposta to “Parallelismi nel vento”

  1. gemellina Says:

    Non ho visto questo film ma il libro è uno dei miei preferiti, bellissimo!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: